sintomi e come uscirne se diventa tossica

Vais-je courir loin mâle? Talvolta oui, soprattutto alla testa. Le sport qui fin à ieri ci a aiutato pour surmonter des moments difficiles, pour essere plus lucidi, pour scaricare la tension può diventare un’ossessione. Scoriamo mange je vais courir ai ripari

Carlotta Montanera

@
courircharlott

Vi è mai capitato di contrare quell’amico con cui correvate qualche tempo fa e aver voglia di find una scusa per non fermarvi? C’est ce qui arrive quand alcuni runner non fanno altro che parlare di corsa. Dans toutes les situations, même au battesimo del figlioccio, eccoli che parteno in quarta con racconti di gare, domande sulle performance altrui, consigli non richiesti sul type di scarpe da uso. Sui social la cosa s’il se traduit par decine di post semper uguali, corredati dalla telecronaca dell’allenamento : chilometri, velocità, sensazioni. Questo è il primo sintomo che ci dit che qualcosa non va nel rapporto con la corsa. Da passione diventa ossessione. E voi, vu sept mai trovati dans cette situation ? Analizziamone i diversi aspetti e cerchiamo di capire comment l’éviter.

donne la passion à l’ossession

Lorsque vous gardez le journal et que vous indiquez qu’il était 12h42, est-ce que je suis venu à l’esprit et aux délais pour le marathon ? Observez-vous qu’il vostro collega camminare e pensate a quali scarpe da running gli consigliereste ? Misurate il tempo del pranzo di nozze dell’amico in tempo al chilometro ? E di mestiere non fate l’allenatore o il tecnico in a running business? Allora probablement la corsa est strabordando dal suo ruolo di passione per diventare a vera e propria ossessione. La course à pied est un sport très beau et passionnant, nous le savons tous. Il a moltissimi benefici, tra cui a rapporto plus serene con se stessi e un maggior lucidità mentale. Ma rimane pur semper un gioco, a less di non essere atleti professionisti. Nessuno di noi amatori sta per vincere un titolo nacionale, probablement non vinceremo mai nemmeno una gara di paese. Quand notre passion pour la corsa dépasse la limite du simple plaisir d’occuper frangenti che non le appartengono – come a serata al ristorante tra amici – allora dobbiamo riflettere sul nostro rapporto con lei. Alcuni dei segnali facilement individualisable Je suis mon propre quelli que si j’ai un certain intérêt dans la situation que j’ai eu peu. Je sais avec mes amis que je ne veux pas éviter la dispute corse de façon obsessive, avoir peur de courir avant même le mariage de ton cugino, ne lâche pas quand je suis le 40 février, essaye un carabinier. Passione oppure ossession?

se non mi alleno sto mâle

Il lockdown di due anni fa ha svelato tutti i difetti di noi runner, tra i quali la dipendenza dalla corsa. Je ne vais pas courir parce que ce n’est pas une condition stressante. Si c’était à cause d’un confinement ou simplement à cause d’impegni personnels, si un jour on ne terminait pas le remplissage préfixé, on se sentait frustré, spaesati, arrabbiati. Ovviamente potendo scegliere è meglio correre, ma talvolta non si può essere totalement liberi e cause sévère impediscono la nostra normale vita. Niente di più consueto, direi. Eppure se a rimetterci è proprio la corsa ci feutre sopraffatti da émotions négatives? C’est le deuxième symptôme de la dipendenza da corsa : Je sais que je ne dirige pas ce mâle. Estattamente manger la dipendenza da sostanze ben peggiori, la mancanza di corsa ci fa laborare. Dans cette situation c’est bien rifocalizzare l’attention sulla nostra personale scala di priorità. A moins qu’essere atleti professionisti, la corsa non può essere al primo gradino delle priorità surpassant les relations, famille, lavoro, amicizia.

nous manger ?

Come qualsiasi altra dipendenza, quella da corsa è negative e alla lunga diventa tossica. A rimetterci, oltre al corpo, è aussi la corsa stessa. Quand le pensiero diventa asfissiante la pentola a pressione esplode e rischiamo di rifiutare qualsiasi contact avec la course. Il troppo exécutant stroppia, possiamo dire così. Oltre a rimettere in order le priorità, per uscire da questa condizione ossessiva, il primo passo è togliere l’orologie GPS. Parce que le GPS est un instrument très utile, mais il est capable de le contrôler (quasi obsessionnel) de la température et de la vitesse, togliendoci au moins dans une partie de la rue de la course. Allora via l’orologie et si tu cours à la sensation, mange je bambini: tre giri del parco, poi tre lampioni forte e due piano et infine a leggero turn of the road. Questa diventa la nostra nuova unità di misura. Il secondo passo, poi, è ritrovar una vecchia passione che abbiamo lasciato indietro a causa della corsa. Que ce soit la dégustation de vin ou le corso di ballo, peu importe. Cerchiamo qualcosa che non facevamo più da tempo a causa dell’impegno da runner e rifacciamolo. Riscopriamoci ! Quando poi saremo più sereni proveremo a ricominciare gli allenamenti. À plus tard l’approccio sarà più rilassato.



Leave a Comment