Salernitana-Udinese 0-4: i campani si salvano grazie al Venezia

I campani avevano il destiny nelle proprie mani, ma non sono mai stati in partita contro i friulani che non avevano più niente da chiedere. Niente retrocessione, però, perché il Cagliari non sfonda a Venezia

Giuseppe Nègre

Un’ultima giornata da stropicciarsi gli occhi donne la notte plus incredibile alla storia da annali che incornicia la salvezza in Serie A della Salernitana. Conquis avec un rimonta montrer la possibilité d’avere il destin nelle proprie mani, col match point sul proprio piede i granata deragliano affondando avec un deprecabile 0-4 casalingo al sapore di infamia contro un’Udinese che non aveva più niente da chiedere. E però finiscono comunque por festeggiare la conferma en el maximo campionato perché il Cagliari, que si presente al’ltima shift a -2 dai campani quartultimi, è a sua volta shipufragato in Laguna, fermato da pareggio inutile che lascia i sardi un indietro point in classifica, terzultimi e dunque retrocessi. Sauver Nicolas.

Historique

Il y a une troisième expérience en Serie A, à cause de la première différence de succès qu’elle a eue en 1947-48 et en 1998-99, la Salernitana est restée avec l’arrêt et a maintenu la catégorie en concrétisant que, dernière note à part, c’était a great show : 15 punti nelle ultime 7 partite giocate dopo averne fatti 16 nelle prime 30, with a last month and mezzo di slancio dal quartultimo posto a -9 dal Cagliari (Seppur with due partite in less) enfin to sorpasso su sardi, Gênes e Venezia e la permanenza en Serie A avec la complicité della concorrenza. Ma la fortuna aiuta gli audaci, e Nicola estato per come ha risuscitato a storia que fine a inizio aprile sembrava avere a già amplement écrit succès.

DANS LE SALON

Che per la Salernitana rischiasse di essere una serata less trionfale de quanto sperato si è capito da subito: dopo a try a paio di minute di little oltre l’incrocio, già al 6′ un destro da fuori area de Deulofeu – scatenato e inprendibile con le sue scorribande sul centro-sinistra – è andato a infilare Belec nell’angolino basso. Il ne sera planté qu’au début d’une tempête dans laquelle la Salernitana bloquera, ce sera la paix de vincere – che Verdi (19 ‘) et Bonazzoli (23′) ont tenté de sfatare da fuori area trovando semper grandi risposte di Padelli (à 30′ sa punizione di Verdi, à 40’ doppio salvataggio ancora su lui e Bonazzoli) – in realtà è stato l’avvio di un incliné piano che ha serata granata all’inferno.

GARA CHIUSA

Così il raddoppio a refusé à Deulofeu prima della mezzora da un (giusto) fuorigioco su filtrante di Walace ha dovuto attendere solo altri five minutes per arrivale davvero dalla testa di Nestorovic, lasciato tutto solo in area da Radovanovic e pescato col mirino dal cross dalla trequarti di Moulin. Il est passé à 0-3 à la 42′ avec un show d’Udogie, capable de récupérer pour ses trois quarts, mettant l’accent, marquant Gyomber et loin d’un grand coup pour transformer Gelare l’Arechi già sotto choc.

ALLO SMARTPHONE

Un signe de l’investissement de tendenza sembravano arrivati ​​​​già sul finale del primo tempo: un bâton de fruit du flyer salvataggio ancora del Padelli est un colpo di testa son coin de Fazio, et à cause de la rigueur de Pereyra da Belec qui a atterri nettamente ancora Deulofeu. Illusori. Le but de Pereyra est arrivé poi in contropiede au début de ripresa, scatenando sur le terrain et fuori la fureur d’Arechi, avec suspension de la partie pendant cinq minutes, presque rissa sul prato, lancio di oggetti et début du feu en courbe heureusement senza gravi suite. Finita di fatto qui la partita, al di là di un palo da part e una traversa dall’altra ormai influenti, l’attention si è spostata sugli smartphone aggrappati alla speranza di una victoria del Cagliari. Esaudita, grâce à la résistance de Venezia già retrocesso cui la Salernitana deve a pezzo di salvezza. Oltre che al prophet Davide Nicola.

PROPRIÉTAIRE ET ALLENATORI

Avec entre-temps le chaos du passage du propriétaire de Claudio Lotito à la fiducie qui servira à gérer la belle transaction all’acquisto officialisée à la dernière minute le 31 décembre par Danilo Iervolino, senza cui il club sarebbe estato escluso dal campionato, sul campo c’è C’est le nouveau statut du passare da tre allenatori diversion per trovare la guida giusta : avec Fabrizio Castori, l’uomo della promotion dalla B, 6 sconfitte, un par e un succes nelle prime 8 partite ; poi avec Stefano Colantuono 10 sconfitte, 3 pari e 2 vittorie in 15 gare; infine la rinascita avec Davide Nicola et leurs 4 succès, 6 parités et 5 sconfitte au 15 gare.

LA RINASCITE

Così questa salvezza è diventata la storia di una scalata dagli inferi de un’anna che ha conosciuto il primo successo alla seventima giornata, e fin le sconfitte erano state cinque in six parts. Et ancre quasi au tour du boa et punti erano ancre la misère de 8 dopo 18 partite di cui 14 perse, communique à -5 da una quota salvezza rimasta toujours abbastanza bassa, aidant à maintenir en vie la fiammella della speranza mentre lentement si risaliva dall’ last, à l’avant-dernière amende à l’avant-dernier poteau. Segni di vita est arrivé già coi quattro pari di row de febbraio, in mezzo a cui c’era estato l’avvicendamento tra Colantuono e Nicola. Le quartultimo Aggancio al Cagliari est arrivé à mose fa battendo la Fiorentina, e la septtimana dopo il sorpasso col pareggio in casa dell’Atalanta approfittando del crollo verticale dei sardi: 4 punti in 10 giornate già prima di quest’last turn. Che a chiuso il cerchio avec un final da film.

.

Leave a Comment